• SALUTE

    Prevenzione e cura della lombalgia nel ciclismo – parte 1

Indaghiamo alcune semplici strategie che tutti i ciclisti dovrebbero adottare al fine di non incorrere in uno dei dolori a loro più comuni, la lombalgia.

In altri articoli abbiamo già visto come questa patologia sia sempre più attuale tra i ciclisti e di come sia influenzata anche dalla scelta della bicicletta stessa. Gli studi attuali hanno dimostrato, inoltre, come la posizione in flessione dell'atleta adottata per ridurre l'attrito con l'aria, soprattutto a livello agonistico, aumenti il rischio di lombalgia perché tende ad aumentare la pressione intradiscale e al tempo stesso provoca un completo rilassamento della muscolatura addominale con contrazione dei muscoli paravertebrali lombari.

Vediamo ora quali sono i metodi che si sono rivelati utili, fino ad oggi, per prevenire questa problematica per quanto riguarda particolari accorgimenti da utilizzare in sella alla bici ma anche rispetto a un lavoro specifico per prevenire o curare questa patologia.

Modifiche della bicicletta consigliate:

  • Regolare l'altezza del manubrio e la distanza tra questo e la sella, spostando il peso sugli arti superiori.
  • Avere l'asse dei pedali più indietro rispetto al centro della sella, favorendo una maggiore spinta biomeccanica e migliorando la posizione pelvica che coincide con gli angoli di flessione lombare.
  • Inclinare l'angolo della sella anteriormente, migliorando i vettori di forza che agiscono sul rachide lombare.
  • Quando possibile variare la bicicletta di allenamento o cambiare leggermente alcuni dei parametri sopra citati.

Già utilizzando questi particolari accorgimenti si potrà ridurre del 70% la possibilità di comparsa del mal di schiena. Dobbiamo però valutare e correggere anche il controllo del movimento del rachide perché, come dimostrato in numerosi studi, molti ciclisti durante allenamenti e gare, tendono a stabilizzare poco la colonna lombare andando così incontro a particolari sovraccarichi che possono portare al tipico dolore lombare.

Vedremo nel prossimo articolo cosa fare.

Questo articolo è stato scritto da:

Gianni Cucchi 
Fisioterapista presso il Policlinico San Matteo di Pavia.
Formazione: laurea triennale in educazione motoria preventiva ed adattata, aurea specialistica in scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate, laurea in fisioterapia

Cosimo Maravita
Fisioterapista presso il Policlinico San Matteo di Pavia.
Formazione: laurea triennale in educazione motoria preventiva ed adattata, laurea specialistica in scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate
D.O.MROI (Diploma in Osteopatia e Membro del Registro Osteopati Italiani)

 

Condividi con:

  • Ciclista durante la preparazione invernale

    Preparazione invernale al ciclismo

    Prepararsi in inverno è di fondamentale importanza se si vuole iniziare a costruire la forma per la stagione. Utilizzare un metodo personalizzato permette di ottenere ottimi risultati.

  • Ciclista impegnato in salita

    Il piano di allenamento per il ciclismo

    Che cos'è un piano di allenamento per il ciclismo? Come è possibile capire se il tuo piano di allenamento è corretto. Come scegliere un buon piano di allenamento per il ciclismo.

  • Ciclisti che pedalano su fondo sconnesso

    Sai che tipo di ciclista sei?

    Comprendere la tipologia di ciclista a cui appartieni è importante per stabilire la tipologia di allenamento a cui dedicarsi.

  • in bici sulla neve

    Il Natale del ciclista: quelli che “Vorrei pedalare a Natale”

    In questo periodo dell’anno sembra proprio che l’unica forma di allenamento possibile sia quella della “corsa ai regali”. Sembra proprio di non poter sfuggire a questo tour de force.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre informato sulle novità del mondo Bikevo, su come migliorare il tuo modo di andare in bici ed il tuo allenamento.

Ho letto e compreso ed accetto l'Informativa sulla Privacy